martedì 27 ottobre 2015

Libri, film e qualcos'altro ancora

Preda delle ultime millemila cose da fare prima di Lucca Comics, tra lavoro, preparativi e quant'altro (e continuano ad aumentare, anziché diminuire... argh), vi propongo oggi dei "consigli per gli acquisti" in pillole. E un bell'articolo su cui riflettere: di quelli che andrebbero incisi nella pietra.

Testamento di una maschera, di Stefano Tevini, La Ponga Edizioni: libretto agile che si legge d'un fiato e riesce a creare una solida "Storia alternativa" tutta italiana, in un mondo in cui i supereroi (detti "maschere" o "metaumani") sono una realtà nota... e da regolamentare. La vicenda di un gruppo di questi metaumani, vigilanti che combattono il crimine e cercano di conciliare con questa attività, diciamo, "speciale" il loro ruolo di lavoratori e genitori si mescola al racconto di un anziano metaumano che rievoca decenni di storia italiana e internazionale, raccontando di maschere fasciste e partigiane, di combattenti in Vietnam e di attentati, con una costruzione allo stesso tempo solida (c'è una grande cura per i dettagli, sia quelli "reali" sia quelli alterati) e coinvolgente. La storia di Gabriele e dei suoi compagni metaumani, tra idealismo ed equilibri di potere, è bella, gli inserti "storici" ancora di più.

Orphan, di Jaume Collett-Serra, 2009: film horror ormai risalente a qualche anno fa, del quale è bene non svelare troppo... perché la sorpresa finale vi lascerà facilmente a bocca aperta. Lo avevo visto poco dopo l'uscita, mi era piaciuto, l'ho ripescato per una delle consuete "notti horror" e ho constatato che è ancora efficace. Perciò, se non lo avete ancora visto, ve lo consiglio.
Lo spunto iniziale ricorda altri film (come L'innocenza del diavolo con gli allora giovanissimi Macaulay Culkin ed Elijah Wood), ma riesce a ingannare lo spettatore e a proporre qualcosa di più: Kate e John, con due figli e, alle spalle, il dolore di un aborto spontaneo, adottano una bambina rimasta orfana e dal passato tormentato, Esther, che si rivelerà presto tutt'altro che innocente. Solo che nessuno crede a Kate, quando la donna comincia a nutrire sospetti sulla bambina, e la presenza di Esther riporterà alla luce segreti e ferite mai rimarginate, mostrando fragilità e sfiducia di una relazione che ha subito molti colpi in modo davvero efficace. Bravissima Isabelle Fuhrman nei panni di Esther, bravissime anche Vera Farmiga (Kate) e Aryana Engineer (la dolcissima Maxine, sordomuta).

Infine, un consiglio di lettura: vi segnalo questo bell'articolo su un intervento di Neil Gaiman, che ha parlato dell'importanza della lettura durante una lezione tenuta per conto della Reading Agency inglese. Una battaglia persa in partenza, sembrerebbe, nel nostro Paese, ma per quanto razza protetta e in pericolo, noi lettori dobbiamo continuare a sognare, e a sperare di "contagiare" con il nostro amore per i libri anche le altre persone, prima di vedere questa nazione atrofizzarsi del tutto...

8 commenti:

  1. è una vita che non vedo un bell'horror come si deve

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ti consiglio prima di tutto Babadook http://aislinndreams.blogspot.it/2015/10/babadook.html, poi Oculus http://aislinndreams.blogspot.com/2014/10/oculus.html, Sinister http://aislinndreams.blogspot.it/2015/10/sinister.html, oppure questo Orphan, per esempio ^_^

      Elimina
  2. Bellissimo davvero Orphan anche se un'amica mi aveva spoilerato il finale, dannazione!!!
    Speriamo di vederci a Lucca!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti lascio il numero di telefono in privato, così ci mettiamo d'accordo ;-)

      Elimina
  3. "Orphan" è un film che mi ha sempre ispirato ma che non ho mai visto, magari per Halloween rimedio! Il libro sembra carino :)

    Divertiti a Lucca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è davvero! Ma bisogna a tutti i costi evitare gli spoiler ^^
      Grazie!

      Elimina